0 00 2 min 3 anni 26

MADDALONI- Via alla grandi manovre politiche: riposizionamenti, rivoluzione degli equilibri e soprattutto candidature locali sia alle europee che alle regionali. Sbarca a Maddaloni il “Movimento demA” ovvero Democrazia e Autonomia, che si richiama al sindaco di Napoli e non solo e che rappresenta sul territorio l’esatto contraltare alla Lega ma anche al Pd. Se l’arrivo della Lega è destinato (a partire dalla prossime europee) a stravolgere gli equilibri del centrodestra così come l’abbiamo conosciuto negli ultimi 25 anni, il medesimo obiettivo dichiarato, ma su un fronte diametralmente opposto, è quello di Democrazia e Autonomia. Alle prossime europee ne vedremo delle belle: non è certo ma è molto probabile che due candidati di spicco ex Pd locale sono già sulla rampa di lancio per scendere nell’agone elettorale. Lega e “demA sono alternativi ma anche simmetrici: se il Carroccio pesca nel classico elettorato di centrodestra, Democrazia e Autonomia sbarca a Maddaloni per  fare il pieno di consensi nella base classica dei Dem. Se la Lega assedia quello che resta di Forza italia, “demA” assedia il Pd. Grandi manovre quindi a sinistra sotto il naso dei Dem: a livello regionale Democrazia e Autonomia dialoga con “Potere al Popolo”, con la sinistra di base, i centri sociali e tutti i movimenti apertamente contrari al “salvinismo”.A Maddaloni, “demaA” vuole saldare il vasto scontento con l’opposizione sociale e gli scissionisti cacciati dal Pd. E’ un fronte alternativo alla maggioranza presente in Consiglio Comunale e pure al Pd. Quello che sembrava uno slogan cioè “Maddaloni ai maddalonesi” sta diventando un progetto politico: candidature locali, una base locale e un movimento in costante dialogo con il territorio.