0 00 2 min 2 anni 135

Quanto accaduto ad Aversa, dove Italia Viva viene tirata in ballo per la votazione  contraria al bilancio, va inquadrato sia sotto il profilo politico che sotto quello umano.

Il Coordinamento Provinciale era al corrente di quanto succedeva ad Aversa e pertanto, con l’unico consigliere comunale di I.V., la dr.ssa Imma Dello Iacono, aveva condiviso  la decisione  di astenersi  sul bilancio, così come dalla stessa annunciato nella sua dichiarazione di voto.

Tale scelta doveva rappresentare, rispetto ad un palese stato di disagio, ponte ovvero stimolo in quanto si  intendeva comunque mantenere un rapporto di dialogo costruttivo con la giunta Golia.

Quando, però,  le offese si pongono sul piano personale, subentra una comprensibile reazione emozionale che  si è palesata, da parte della consigliera Dello Iacono, con il voto contrario al bilancio.

Il voto contrario non era, dal punto di vista politico/amministrativo, assolutamente significativo, perché   il bilancio è stato bocciato non per il singolo voto di Italia Viva, per altro non previsto, ma dal voto  di ben 7 consiglieri della  maggioranza.

Del significato politico di quanto accaduto, il Sindaco Golia prendesse atto.

I.V. in consiglio comunale è  rappresentata unicamente dalla dr. Dello Iacono e  chiunque parli a nome del partito, non avendo, inspiegabilmente, ritenuto di fare dichiarazione pubblica di appartenenza al gruppo consiliare, non è legittimato a farlo.

I.V. è un partito moderato che deplora qualsiasi forma di gogna mediatica e qualsiasi linea politica è concordata unicamente con i Coordinatori Provinciali, con i riferimenti istituzionali e con il Partito.

Tutto il resto giova unicamente ad alimentare campagne mediatiche molto lontane dai reali interessi della gente, del territorio e di Italia Viva.

I Coordinatori Provinciali   

Carmen De Rosa