00 2 min 1 mese

Proseguono le iniziative sociali del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli a favore di varie
associazioni benefiche, enti onlus ed ecclesiastici presenti sul territorio campano.
Trattasi della devoluzione di beni sequestrati nell’ambito delle attività istituzionali dei Reparti, con la finalità di
dare sostegno alle persone più povere e bisognose, previo nulla osta delle Autorità Giudiziarie competenti.
In particolare, il Gruppo di Frattamaggiore ha devoluto nei giorni scorsi complessivamente 750 paia di scarpe ai
bambini dell’Associazione benefica di Don Luigi Merola “A voce de creature”, ai giovani del Centro Educativo
“Bartolo Longo” presso il Pontificio Santuario di Pompei nonché al Sovrano militare Ordine di Malta impegnato,
nell’ambito del consolidato rapporto di collaborazione con il Corpo, a fornire ai militari del Comando
Provinciale corsi periferici per l’abilitazione all’uso del defibrillatore (B.L.S.D.).
Inoltre, sono stati consegnati, a favore del Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei, un quintale di
pasta recante la mendace Indicazione Geografica Protetta “Pasta di Gragnano”, sequestrato dalla Compagnia di
Castellammare di Stabia, previa verifica di edibilità eseguita da personale specializzato del Centro di riferimento
campano per la sicurezza alimentare (C.Ri.P.A.T.).
Sono stati donati, infine, alla Caritas – Diocesi di Aversa oltre 1.000 capi di abbigliamento (T-shirt, felpe,
giubbini e maglie).
Più in generale, dai primi mesi dell’anno, le Fiamme gialle partenopee hanno provveduto a devolvere, a 22
diverse associazioni ed enti benefici dell’area metropolitana – dopo aver provveduto alla rimozione delle false
etichette per evitare la riconducibilità dei capi ai brand contraffatti – circa 20 mila articoli tra capi di vestiario,
scarpe, cappelli, e giocattoli.

Redazione