00 2 min 1 anno

La stretta sinergia tra Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli e ADM – Ufficio delle dogane di Napoli 1 – ha permesso di individuare all’interno del porto di Napoli un carico di oltre 88 kg di cocaina occultato in una “presa a mare” di una nave porta container in manutenzione all’interno dello scalo partenopeo. Lo stupefacente era suddiviso in 77 panetti e in due bottiglie, allo stato liquido, rinvenuti a bordo dell’imbarcazione tipo “Container Ship” battente bandiera panamense. La scoperta è avvenuta nel contesto dei controlli doganali predisposti in ambito portuale e, in particolare, alla porta container, che era stata tirata in secca in un bacino di carenaggio per svolgere operazioni di riparazione. L’ispezione, operata dai finanzieri, delle “prese a mare” della nave, cavità dello scafo che durante la navigazione si trovano immerse a circa 8 metri di profondità e sono utilizzate per garantire il raffreddamento dei motori, ha permesso di individuare, abilmente occultati sul fondo di una di esse, due borsoni con all’interno i 77 panetti e le due bottiglie. Una volta aperti gli involucri, letteralmente sigillati per impedire l’entrata di acqua di mare, le analisi effettuate hanno confermato che la polvere bianca presente al loro interno era cocaina purissima, e che nelle due bottiglie era presente lo stesso stupefacente allo stato liquido, miscelato a sostanze stimolanti. L’ingente carico, anche in considerazione del quantitativo, delle modalità di occultamento e di trasporto, è stato sequestrato per traffico internazionale di stupefacenti.

Redazione