00 4 min 2 mesi
Partita scoppiettante a Monza con ben sei reti di cui cinque nella ripresa

Il Napoli ha regalato ai propri tifosi un pomeriggio di emozioni forti e calcio spettacolare con una vittoria entusiasmante contro il Monza, con un punteggio finale di 4-2. L’inizio della partita ha visto il Monza andare in vantaggio al primo tentativo, nonostante il Napoli avesse preso fin dall’inizio le redini del gioco, dimostrando una grande determinazione e trovando il vantaggio al 9′ con un gol di testa di Djuric, abile ad anticipare Juan Jesus sfruttando un perfetto assist di Zerbin dalla sinistra.

Primo tempo chiuso con il Monza in vantaggio

La svolta della partita avviene nella ripresa, quando al 54′ Calzona inserisce Politano per Ngonge. Dopo appena un minuto dalla sua zona di competenza nasce l’azione del pari azzurro, con uno stacco imperioso di Osimhen che sfrutta salendo “tre metri sopra il cielo” un assist perfetto a rientrare di Anguissa. Dopo soli 2′ Politano si mette in proprio e sigla un eurogol colpendo di sinistro a volo e mettendo la palla nel sette, con di Gregorio immobile e impietrito osservatore. Il portiere brianzolo ripete la stessa scena dopo 3′ quando Zielinski, dal limite dell’area, porta il punteggio sul 3-1 grazie ad un sinistro calibrato che bacia la traversa e si insacca in rete. Il polacco torna in rete dopo 187 giorni dall’ultima rete siglato contro il Real Madrid.

Tre eurogol in cinque minuti chiudono il match

Nonostante il triplo colpo subito, il Monza non si arrende e rientra in partita al 62′ minuto grazie ad un tiro a giro di Colpani dalla sinistra, deviato in maniere decisiva da Juan Jesus. A ristabilire il doppio vantaggio e a chiudere definitivamente il match ci pensa al 69′ il neoentrato Raspadori, subentrato in campo appena 21 secondi prima, abile a ribattere in rete una respinta di Di Gregorio su tiro di capitan di Lorenzo.

Gol lampo di Jack Raspadori dopo soli 21 secondi dal suo ingresso

Questo successo conferma la forza e la determinazione del Napoli ma, allo stesso tempo, aumenta i rimpianti per ciò che poteva essere e non è sato a causa di tante scelte sbagliate. Resta la consolazione minima di potersi qualificare ancora in Europa, seppur non in Champions, per proseguire la striscia record dell’era de Laurentis di qualificazioni nelle coppe europee, magra consolazioni per i tifosi che hanno contestato duramente squadra e società dagli spalti.

TABELLINO

Marcatori: 9′ pt Djuric (M), 10′ st Osimhen (N), 12′ st Politano (N), 15′ st Zielinski (N), 17′ st Colpani (M), 23′ st Raspadori (N)

Assist: –

Monza (4-2-3-1): Di Gregorio 6; Birindelli 6 (30′ st Kyriakopoulos 6), Izzo 5, Pablo Marì 5.5, Caldirola 5; Akpa Akpro 6 (9′ st Bondo 6), Gagliardini 5.5 (30′ st Carboni 5.5); Colpani 7, Mota 6 (26′ pt Maldini 5), Zerbin 6.5 (9’st Ciurria 5.5); Djuric 7. All. Palladino 6.

Napoli (4-3-3): Meret 6; Di Lorenzo 6, Rrahmani 5.5, Juan Jesus 5, Olivera 5 (35′ st Mario Rui 6); Anguissa 6.5, Lobotka 6, Zielinski 7 (22′ st Cajuste 6); Ngonge 5 (9′ st Politano 8), Osimhen 7.5, Kvaratskhelia 6 (22′ st Raspadori 7). All. Calzona 7.
Arbitro: Daniele Doveri di Roma 1

Ammoniti: Ngonge (N), Akpa Akpro (M), Donati (M), Caldirola (M)

Espulsi: –

Nello Ferraro