00 3 min 4 settimane
Lui si arrampica sul terrazzino e minaccia di morte tutti, anche i Carabinieri: 56enne in manette, emersi oltre 20 anni di violenze

La notte dei carabinieri di Qualiano è iniziata intorno all’una, quando al 112 una voce ha raccontato di un uomo sul balcone di un’abitazione.

Urlava e tentava di aprire gli infissi, qualcun altro faceva di tutto per impedirglielo.

Quando i militari sono arrivati all’indirizzo segnalato, l’uomo era ancora lì.

Evidentemente ubriaco, minacciava la moglie e i figli all’interno.

Ne aveva anche per i carabinieri.

Gridava che avrebbe sgozzato la moglie e buttato i pezzi in una valigia.

Ai militari suggeriva che sarebbe stato meglio arrestarlo o li avrebbe picchiati e bruciato tutto.

Il 56enne è finito effettivamente in manette e dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia e minaccia a pubblico ufficiale.

Secondo quanto ricostruito, l’uomo sarebbe rientrato a casa da solo intorno alle 16.

La moglie – avrebbe detto ai figli – era nel garage, riversa a terra priva di sensi.

Senza perdere un attimo, i due figli hanno raggiunto la donna e, temendo che le sue condizioni fossero imputabili al padre, l’hanno portata in ospedale.

Dimessa dopo qualche ora senza alcuna prognosi, la donna è salita nell’auto del marito arrivato al pronto soccorso dopo qualche minuto. I figli, invece, sarebbero tornati indietro in un’altra macchina.

Lungo la strada, però, i due hanno visto l’auto dei genitori ferma con le portiere aperte.

La madre era a terra e il padre la prendeva a schiaffi.

Soccorsa ancora una volta, la vittima è tornata a casa con i due ragazzi.

L’uomo si è allontanato da solo.

Poi il rientro.

Il 56enne ha provato ad entrare in casa, accompagnando il suo rientro con minacce di morte e insulti.

I figli hanno bloccato la porta d’ingresso ma l’uomo non si è arreso.

Si è arrampicato fino al balcone e ha provato a entrare dalla finestra della cucina.

Bloccata anche quella, il 56enne è rimasto sul terrazzino fino all’arrivo dei carabinieri.

Dalla denuncia sarebbero emersi decenni di violenze, oltre 20 anni di matrimonio e vessazioni mai denunciate.

Il 56enne è stato portato in carcere, in attesa di giudizio.

Redazione