0 00 2 min 3 mesi 347

Dopo 24 anni è stato scarcerato il boss Nunzio De Falco alias o’ lupo: il giudice di sorveglianza gli ha concesso i domiciliari presso un suo familiare a Villa Literno per gravi motivi di salute.
Stiamo scherzando? La legge, la giustizia, la condanna, l’ergastolo…che fine hanno fatto?

Scene già viste, come per Zagaria, ad esempio, che fortunatamente alla fine è stato costretto a ritornare indietro per ricevere le cure presso le patrie galere.
Gli arresti domiciliari non sono accettabili per certi personaggi; non si può essere così benevoli e disponibili verso chi ha causato tanto male, a persone, territori… verso chi non ha avuto coscienza nemmeno davanti a un uomo di Chiesa!
Come si può cancellare tanta aberrazione?

Nessuno, lo ripeto, nega le cure necessarie a chi ne ha bisogno, seppure il peggiore dei detenuti. Ma la libertà, sia essa anche solo parziale, no, assolutamente no. Non è necessaria e non va concessa.
Mi oppongo e mi opporrò, come feci per il caso Zagaria, affinché questo boss ritorni dietro le sbarre.
Scriverò pertanto una lettera al ministro della Giustizia e al Vicepresidente del CSM.

di Antonio Del Monaco *Deputato del Movimento Cinque Stelle