0 00 2 min 2 mesi 913

Un dramma nel dramma per la comunità di Maddaloni che piange un suo laborioso figlio tragicamente sottratto all’affetto dei suoi cari solo per essersi recato al lavoro. Pietro V., 47 anni è la vittima di quanto accaduto oggi, poco prima delle 8, all’altezza del chilometro 528, nel tratto tra Poggio Imperiale e San Severo, in direzione di Bari. Pietro V., addetto di una ditta esterna, è stato travolto e ucciso da un mezzo pesante mentre predisponeva la segnaletica per l’apertura di un cantiere per l’istallazione di bande rumorose sul margine laterale della carreggiata. Il 47enne – secondo una prima ricostruzione – sarebbe rimasto schiacciato tra il tir che lo ha investito e il camion della ditta per cui lavorava, la Edil San Felice di Nola (Napoli), subappaltatrice di Autostrade (LEGGI IL COMUNICATO UFFICIALE SULL’ACCADUTO). Una tragica fatalità che ha spezzato la vita ad un uomo che ha sempre fatto mille sacrifici pur di lavorare e portare avanti la famiglia. Lascia la moglie e due figli ma soprattutto tanto strazio nella città di Maddaloni. I familiari stanno, in queste ore, recandosi sul posto per constatare quanto accaduto. Si attendono gli esiti dell’intervento delle forze dell’ordine sulle dinamiche dall’accaduto.
Cordoglio è stato espresso dagli operai impegnati nei cantieri dell’Alta Velocità Napoli Bari di Maddaloni, che attraverso il loro rappresentante della Filca-Cisl si stringono alla famiglia per il tragico evento avvenuto proprio su luogo di lavoro.