0 00 3 min 5 anni 43

comune maddaloni
La Regione Campania manda in soffitta i “sogni” del redattore del Piano Urbanistico Comunale di Maddaloni, l’ architetto Bernasconi e anche di ampi settori dell’ Ufficio Tecnico Comunale che intendevano presentare, comunque il nuovo piano comunale, nonostante il commissariamento dell’ Ente locale. Infatti la “decisione” della Regione Campania è giunta con l’ approvazione della legge regionale n 22 del 8 Agosto del 2016 denominata “Manifattura Campania”. Praticamente è una legge che contempla i vari aspetti e iter inerenti le attività produttive dei circa 550 comuni della Regione Campania.
E all’ articolo 16 comma 14 della succitata legge, si chiarisce che i piani di “ri”- disegno dei comuni, e quindi i relativi Piani Urbanistici Comunali, per i comuni attualmente commissariati, si rimanda tutto all’ insediamento del nuovo sindaco e del nuovo consiglio comunale. Ecco testualmente il dispositivo riportato nella legge “Il comma 4 dell’articolo 9 della legge regionale 1/2016 è sostituito dal seguente: “4. Per i Comuni commissariati i termini di cui all’articolo 1, comma 3 del Regolamento 5/2011 sono sospesi dalla data di insediamento dell’organo straordinario fino all’insediamento del nuovo Consiglio comunale.” Ma cosa tratta il comma 4 della legge regionale n 1 del 2016? Eccolo ripreso di pari passo “Fatto salvo quanto disposto dalle leggi regionali 22 dicembre 2004, n. 16 (Norme sul governo del territorio) e 30 ottobre 2008, n. 13 (Piano territoriale regionale), per i Comuni commissariati alla data di entrata in vigore della presente legge, i termini di cui all’articolo 1, comma 3, del Regolamento 4 agosto 2011, n. 5 (Regolamento di attuazione per il governo del territorio) sono efficaci dalla data dell’insediamento del nuovo Consiglio comunale”. Insomma , la situazione è fin troppo chiara: Maddaloni doveva presentare il Puc ma l’ iter avveniva in maniera forzata e con evidenti “falle” durante l’ amministrazione comunale targata De Lucia; poi gli arresti del 7 Marzo scorso hanno messo fine al governo della città; inizialmente Maddaloni non rientrava nei comuni già commissariati e beneficiari di proroghe per l’ approvazione dello strumento urbanistico, così come avveniva per Caserta e Santa Maria Capua Vetere. Nel contempo qualche dichiarazione pubblica del redattore del Puc Bernasconi in cui egli dichiarava di voler presentare il “Piano preliminare del puc”, poi la Regione Campania nel luglio 2016 approva la proroga anche per i comuni come Maddaloni, cioè commissariati a partire dal mese di gennaio 2016 e qualche giorno fa giunge la definitiva parola da parte della Regione. Il puc sarà di competenza del prossimo sindaco di Maddaloni.