0 00 4 min 6 anni 147

maddaloni-festa

di Dario Bocchetti

 
Ma oggi è la festa di San Michele Arcangelo, Patrono della città di Maddaloni?
Io non me ne sono accorto ma, probabilmente, è solo una sensazione personale, soggettiva.
Magari entrando nei trenta, inizio a vivere diversamente alcuni momenti che una volta attendevo con ansia, forse perché c’era una breve pausa delle attività didattiche o magari in fin dei conti provavo piacere percorrendo Corso I Ottobre e le strade caratterizzate dalle luminarie, le luci delle giostre e quel modo casareccio, rustico, naif di vivere la ricorrenza.
Sarà che sono cresciuto, o realmente si avverte un senso di noia, una voglia di evadere dalla monotonia tradizionalista che avvolge ancora parte di questa città? Sia chiaro, qui nessuno può permettersi il lusso di giudicare, semplicemente ci sono diverse scuole di pensiero che hanno diversi modi di vedere la festa Patronale.
Innanzitutto, facciamo i conti con la realtà. Io non credo che questa festa, possa attirare la curiosità di tanti turisti, ma forse neppure quella di chi abita i paesi limitrofi. In ogni caso, anche se ciò dovesse succedere, secondo voi, faremmo una bella figura?
La festa di San Michele, si svolge per lo più in piazza con, con gli eventi musicali, la Processione, le bancarelle, le luminarie …
cantiere comune maddaloni
Ed in via Matilde Serao, all’interno della fiera settimanale, con le giostre ed i “Panino-Bus”, a pochi metri da questo…
fb_img_1474991899096
Si, magari qualcuno può parlare di indotto, di un respiro seppur flebile dell’economia maddalonese, ma anche questo è relativo ed opinabile. Io credo che ci sia la necessità di programmare in maniera più lungimirante l’economia di un paese e dei singoli commercianti, magari implicando anche la ricorrenza Patronale in un piano di giovamento finanziario che non può far leva, però, esclusivamente alla sola durata dei festeggiamenti.
Si è appurato che i soldi raccolti negli scorsi anni per i festeggiamenti della festa, dalla questua generosa dei fedeli in onore del Santo Patrono, possono raggiungere cifre considerevoli che vengono impiegate per le luminarie, per i palchi e le attività (ricreative più che altro) per lo svolgimento della festa.
Non voglio fare demagogia, ma questi proventi, non sarebbero più utili se fossero destinati al rifacimento del manto stradale, delle condotte idriche o magari per il ripristino strutturale del Castello e delle Torri?
Ed a proposito di Castello e Torri, ma è necessario che il Santo Patrono debba scendere in città in questi giorni? E se la festa, o almeno parte di essa, si svolgesse nei pressi del Santuario sulla collina di San Michele? Sicuramente la zona antistante al luogo di Culto, è una delle più pulite della città e potrebbe rappresentare una cornice più caratteristica, presentabile e sobria.
santuario-di-san-michele
Ovviamente ciò, non farebbe impazzire di gioia gli amanti del folklore….
Ma questa festa, non poteva essere semplicemente un momento Religioso?
Beh, ora devo lasciarvi, si è fatto tardi e devo portare il vestito dal sarto. Stasera tutti in tiro … sigh