0 00 2 min 3 anni 36

MADDALONI- Dodici anni di attesa. Oggi, molto probabilmente stamattina (salvo rinvii o intoppi dell’ultimo minuto) ci sarà la firma: la conciliazione giudiziale tra Comune Interporto Sud Europa diventa realtà. Si va oltre le sentenze e i contenziosi. Si tratta di un accordo tombale e globale: l’Ise, riconoscendo un debito di oltre 14 milioni di euro verserà l’equivalente di Imu e Tari dal 2007 al 2017. Nel mese dell’approvazione del bilancio di previsione, si sta per compiere un passo fondamentale del programma elettorale della maggioranza del sindaco Andrea De Filippo. Più che le opinioni, da oggi, contano i numeri e gli accordi scritti. In sisntesi estrema, le cifre dovrebbero essere queste: 16 rate trimestrali (da 886 mila euro cadauna) per quattro anni pari ad un importo annuale di 3.5 milioni di euro. E c’è già una data fondamentale: la prima sarà pagato il 20 febbraio prossimo. Oltre i tecnicismi, oltre le diverse posizioni politiche e oltre le riserve, si sta per chiudere un contenzioso storico, fatto mai tentato prima, è di per se stesso una novità assoluta nel panorama politico locale. Già dalle prossime settimane, ed entro questo mese, si potranno monitorare i primi e effetti e le ricadute di un atto amministrativo fondamentale.