0 00 3 min 1 settimana 262

SAN FELICE A CANCELLO – Oltre ogni aspettativa. Lo screening di tamponi organizzati stamani dall’amministrazione guidata da Giovanni Ferrara ha trovato pieno riscontro dalla cittadinanza sanfeliciana. «Non posso che dirmi soddisfatta – ha dichiarato l’assessore Carmela Maiorino – per la grande risposta della città. Non ci aspettavamo davvero una così grande adesione». Oltre 600, i tamponi somministrati stamani, nei due punti individuati: l’istituto Gesué a San Felice Centro dalle 8 alle 11 e l’istituto Aldo Moro di Cancello Scalo a partire dalle 11.

«Le scuole dovranno riaprire in sicurezza – afferma il primo cittadino Ferrara – e per questo era necessario attivarsi per uno screening di massa che coinvolgesse tutta la popolazione scolastica. Ho dovuto emettere la precedente ordinanza di sospensione delle attività didattiche in presenza, subito dopo il periodo natalizio, proprio per tutelare i più piccoli. L’invito è stato accolto quasi dalla totalità delle popolazione che ha risposto alla grande».

Dopo qualche incertezza iniziale dovuto alla tanta affluenza che ha colto di sorpresa gli organizzatori, l’unità mobile del laboratorio scelto per la somministrazione e il processo dei tamponi ha accolto bambini, insegnanti e personale Ata.
«La speranza è proprio questa – conclude Ferrara, che con gli assessori Carmela Maiorino e Mario Verlezza ha presenziato dal primo all’ultimo minuto -: riaprire lunedì in sicurezza malgrado l’elevatissimo numero di contagi in tutta Europa e i quasi seicento positivi in tutta San Felice a Cancello, nonostante sia l’alto numero di guariti di ogni giorno che l’alta percentuale di vaccinati con oltre il 90% che hanno ricevuto la prima dose, oltre l’80% che ha completato il ciclo vaccinale e quasi il 54% con la terza inoculazione. Dopo i tamponi, invito tutti i genitori ad affidarsi al ciclo vaccinale per i loro figli; io stesso ho aderito con le mie figlie. Oggi è l’unica strada percorribile».