0 00 4 min 2 mesi 159

Tutto in novanta minuti: ritorno alla vittoria e al gol ma soprattutto quei tre punti in classifica che sono mancati per troppo tempo e che si spera possano rappresentare l’inizio di un nuovo capitolo dopo oltre un mese buio dove tanti fattori hanno impedito alla Maddalonese di dare seguito al positivo inizio di stagione. Non c’è stata partita in un “Cappuccini” reso fangoso e al limite della praticabilità a causa delle forti piogge cadute nelle ore precedenti il match, tra i granata e il Sant’Antonio Abate, avversaria che, nonostante delle trame buone ma troppo sporadiche, è stato letteralmente travolto dalla rabbia e dalla determinazione dei padroni di casa che non potevano assolutamente fallire un turno a loro agevole. Basta un quarto d’ora di gioco per archiviare la pratica e controllare agevolmente la partita. Dino Fava ritorna ad essere il bomber che tutti ricordiamo, infila una tripletta senza appello e sale a quota otto in classifica marcatori. Gli ospiti hanno provato in più di una occasione a non farsi travolgere dalle iniziative della Maddalonese ma per Barletta e compagni era troppo importante ritrovare il feeling con il gol. Nemmeno sessanta secondi sul cronometro ed è già 1-0: Pingue di prepotenza entra in area e lascia partire un tiro che il portiere può solo respingere per la ribattuta di Fava che in scivolata sblocca il risultato. Al 4’ su calcio d’angolo di Barletta, lo stacco di testa dell’attaccante di Sessa Aurunca è perentorio per il 2-0- Al 16’ la prima tripletta in maglia Maddalonese per finalizzare una bellissima giocata in diagonale sull’asse Guglielmo-Barletta. Al 20’ si fa vivo il Sant’Antonio Abate con due limpide occasioni. La prima arriva su una splendida pennellata di Tartaglione (che poco dopo uscirà per infortunio) su punizione che trova la straordinaria risposta di Cerreto all’incrocio dei pali. Al 22’ palla a rimorchio per Granato da ottima posizione ma la conclusione è alta. Al 39’ doppio calcio d’angolo per la Maddalonese con urlo del gol strozzato in gola. Il colpo di testa di Falco è salvato sulla linea, pochi secondi dopo, sempre di testa, tocca a Guglielmo trovare l’ottima parata di Coticelli. La ripresa si apre con il poker che permette a mister Valerio di dare il via alla girandola dei cambi: Guglielmo sventaglia sulla destra per Pingue che da sottomisura insacca. Lo stesso Guglielmo al 58’ si prodiga in una prorompente azione personale che piega le mani al portiere per il 5-0. Due minuti dopo il gol della bandiera per gli ospiti con una bella conclusione del neo entrato Tammaro che batte Cerreto. Piovono occasioni gol per la Maddalonese e la più clamorosa arriva all’81’ con Di Costanzo che mette Giuseppe Allegretta davanti al portiere ma l’attaccante non trova il varco giusto per battere a rete. La Maddalonese ritrova il sorriso necessario per guardare al futuro con un pizzico in più di ottimismo. Adesso è fondamentale trovare la continuità di risultati

Per Dino Fava prima tripletta con la maglia della Maddalonese

MADDALONESE-SANT’ANTONIO ABATE 5-1

MADDALONESE: Cerreto, Falco, De Fenza, Percope (34’ Viscovo), Zacchia, Pingue (59’ Allegretta G.), Della Ventura, Colella (52’ Verdicchio), Barletta, Guglielmo (62’ Di Costanzo), Fava (66’ Allegretta P.). A disp: Domigno, Ferraro, De Rosa, Sannazzaro. Allenatore: Valerio

SANT’ANTONIO ABATE: Coticelli, Di Ruocco A. (76’ Lombardo), Alfano, Scala, Vitale, Cascone (62’ Marigliano), Di Ruocco F., Apuzzo, Granato, Tartaglione (29’ Varriale), Santarpia (59’ Tammaro). A disp.: Cimmino, Tumolillo, Cangianiello, Vitiello, De Luca. Allenatore: D’Aniello

ARBITRO: Palma di Napoli

MARCATORI: 1’, 4’, 16’ Fava, 46’ Pingue, 58’ Gugliemo, 60’ Tammaro

AMMONITI: Colella, Vitale